Come capire quando manca il gas nel condizionatore

| |

La perdita di refrigerante è un problema frequente che affligge i condizionatori d’aria. Il liquido infatti serve proprio a generare aria fredda e funziona alo steso modo di un comune frigorifero o congelatore. Tuttavia ciò non significa che l’apparecchio sia guasto, salvo che non ci sia una perdita nelle condotte. In riferimento a quanto sin qui premesso, ecco alcuni suggerimenti su come capire quando manca il gas nel condizionatore. Ad aiutarci le informazioni messe a disposizione dai tecnici del servizio di pronto intervento su condizionatori a Roma consultabile qui.

Perdita di capacità di raffreddamento

Il tuo condizionatore d’aria per funzionare correttamente ha bisogno di un apposito liquido refrigerante comunemente noto come gas freon. La sua funzione è quella di assorbire il calore dall’interno e spostare l’aria calda all’esterno, permettendo all’aria fredda di entrare nella tua casa. Se ritieni che l’aria non si raffreddi tanto quanto al solito, la colpa potrebbe essere una dovuta proprio alla mancanza (o perdita) di refrigerante. Senza quest’ultimo, l’aria che esce dal tuo condizionatore non sarà altra simile a quella di un ventilatore.

Sulla linea del refrigerante è presente del ghiaccio

Un altro segnale che può farti capire che c’è mancanza di refrigerante nel tuo condizionatore d’aria e che c’è una perdita nel sistema consiste nel fatto che noti un accumulo di ghiaccio sui motori dei ventilatori, sui tubi e sui flessibili. Il refrigerante infatti è un gas che congela quasi tutto ciò che tocca. In presenza di questo ghiaccio anomalo, la mancanza totale del liquido o una perdita, potrebbero essere le cause principali.

Presenza di sibili nell’apparecchio

Le perdite nel sistema se presenti non si riducono anzi possono aumentare nel tempo. La mancata risoluzione del problema può causare lo scarico del Freon dal condizionatore d’aria. In tal caso potresti sentire dei gorgoglii o dei sibili mentre il condizionatore d’aria è in funzione. Ciò significa che alcune bolle d’aria hanno iniziato a formarsi sulle linee del refrigerante. In questo caso il consiglio è di chiamare un tecnico e spegnere l’aria. Il professionista incaricato controllerà eventuali perdite prima di procedere ad una nuova ricarica di freon.

Il condizionatore emana soltanto aria calda

Un altro segno che il condizionatore potrebbe essere a corto di liquido refrigerante , dettato dal presenza di aria calda su tutta la superficie dell’apparecchio e in tutta la stanza in cui si trova. In presenza di tale inconveniente, prima di contattare un tecnico, ti conviene controllare se i tubi che collegano l’unità interna a quella esterna, descritte in questo articolo, sono in perfetta posizione e soprattutto ben ancorati alle rispettive bocchette. Se il problema era proprio questo, allora puoi procedere con la ricarica di freon, optando per delle pratiche bombole fai da te.

Precedente

Realizzazione impianto elettrico: alcune buone pratiche

CAD cam odontotecnico: come funziona

Successivo

Lascia un commento